Ti voglio raccontare questo evento a Padova: WMexpoorganizzato da Massimo Fattoretto e Matteo Paroni. Ti dico subito il voto: 8. Paolo Zanzottera è stato un presentatore unico e la prima cosa che ci ha detto è stata:

Fare Marketing Digitale non è fare il risotto con il bimby

Me la sono portata con me, l’ho scritta ovunque e sperando non gli dispiaccia, vorrei tanto utilizzarla con i miei clienti. Questo evento a Padova deve ripetersi! Non capita spesso di partecipare a qualcosa di così ghiotto. Come SEO specialist, uso gli eventi per conoscere l’utente, capire cosa fanno gli altri attori del web e tenermi aggiornata su ciò che poco conosco. Questa volta mi sono goduta il signor Piersante Paneghel, un panzer della SEO, uno che ricorda davvero il rumore del modem quando si collegava. La sua umiltà e il modo di raccontare il nostro Google sono stati commoventi.

L’ego del nostro lavoro è un grande impiccio

è un’altra di quelle frasi indimenticabili. Ho amato lo speech di Nicola Bonora, è riuscito a raccontare qualcosa di noioso, come il form contatti, facendoci sorridere, portando immagini che restano nella memoria e casi pratici di ciò che raccontava. Meraviglioso sentir raccontare gli A/B test su Booking grazie a Leonardo Saroni. Capisci cosa significa avere dati, persone che analizzano, SEO che collaborano. Se tutti lo facessimo, secondo me, aumenterebbero le conversioni sui siti dei nostri clienti. Anche la serata del primo giorno è da ricordare. Ho avuto l’opportunità di sedere a tavola con persone belle come Claudio Gagliardini, con cui spero presto di poter collaborare per aiutare la sua Saletta. Non solo, attorno a me c’erano veramente delle persone valide da seguire: Maria Pia de Marzo, Dario Ciracì, Carlotta Silvestrini, Ivano di Biasi, il mitico Andrea Scarpetta.

La seconda giornata è partita alla grande come la prima. I relatori ci hanno tenuti incollati alle slide. Tantissimi esempi di come muoversi non nel web ma nel marketing. Dario Vignali, mi ha lasciata a bocca aperta. Ho pensato alla sua età, a dov’ero quando avevo 24 anni, di sicuro non avevo guadagnato 80.000 euro in una settimana applicando le proprie strategie di marketing. Niente di scontato, molti spunti anche per una come me. Il Personal branding è importante per trovare clienti. Si è parlato anche di Linkedin, non c’era il mio caro collega Luca Bozzato ma una bravissima Carlotta Silvestrini. Momento importante per me perché ho sentito confermare la bontà del social che amo di più. Il vecchio Pulse ora publishing deve entrare nelle nostre vite. Punto. Insomma, finalmente un evento a Padova che tutti noi del settore ma, soprattutto, le aziende che devono comprendere la materia, dovremmo seguire se c’è voglia di farlo anche per il terzo anno.

Mi piacerebbe raccontare il tuo evento.

INVITAMI
Giulia Bezzi

Giulia Bezzi

Ti aiuto ad avere un posto nella prima pagina di Google a farti conoscere dai tuoi futuri clienti

Tutto ciò che riguarda i contenuti online sono il mio pane quotidiano. Ciò che faccio è evitare che tu finisca nella seconda pagina di Google, che è un po’ come la cantina di casa. E per poterti aiutare in questo difficile compito, strutturo i tuoi contenuti, li scrivo o te li correggo perché ti aiutino a posizionarti in alto. Quando siamo certi di essere sulla buona strada, ti propongo la mia strategia per farti conoscere meglio e ti lascio con una bella dose di formazione. Mi piace pensare che mi chiamerai per nuove sfide e avrai voglia di provare da solo a rendere unico il tuo business online.

Pin It on Pinterest

Shares